giovedì 12 ottobre 2017

Harvey Weinstein e l'Ipocrisia Americana.

Lo scandalo portato alla luce dal NYT, riguardante i presunti abusi sessuali perpetrati negli anni dal mogul cinematografico Harvey Weinsten, è un chiaro simbolo della poca sanità mentale collettiva e ipocrisia made in Usa.

Ma di cosa stiamo parlando ?

Del fatto che uno dei più grandi produttori indipendenti prima, Disney dopo, abbia abusato della sua posizione dominante e del suo potere, per ottenere favori sessuali da starlette e wannabes ?

Ridicolo.

E parlano di "Violenze Sessuali" ?

Solo in America si può essere tanto ipocriti, lo scandalo a dire il vero tocca anche l'Italianissima Asia Argento e la semi Italiana Bunga Bunga girl Gutierrez, le quali da brave opportuniste hanno preso subito la palla al balzo.

La prima denunciando le violenze e "dimenticandosi" apparentemente di come la sua storia con Weinstein sia durata anni, nei quali l'Argento ha sicuramente beneficiato in favori e denari.

La seconda addirittura fiutando lo scoop, andando alla polizia a farsi microfonare per cercare d'incastrare l'orco ed erigersi a paladina del femminismo mondiale.

Per non parlare poi delle Big (Paltrow, Jolie ecc) le quali, nonostante la loro posizione e il pedigree familiare, hanno taciuto come ragazzette di provincia.

Questo scandalo è patetico, gli abusi di potere nel mondo dello spettacolo (e non solo lì) sono vecchi come la storia dell'uomo.

Due punti in particolare sono rilevanti:

a) queste notizie mancano di rispetto a quelle donne e ragazze che hanno veramente subito violenze e non volevano entrare nel mondo dello spettacolo o fare le attricette.

b) queste notizie non preparano le giovani aspiranti artiste a situazioni del genere, che invece sono all'ordine del giorno in quell'ambiente.

Se una ragazza non è preparata ad incontrare degli orchi sarà più propensa a "bloccarsi" terrorizzata. Viceversa sarà più attenta, in guardia e pronta a reagire.

In questo senso la testimonianza migliore è quella della Francese Lea Seydous, la quale afferma di aver impiegato tre secondi a capire che tipo fosse questo Weinstein.

Gli Americani di questo passo diventeranno un popolo di omosessuali, lesbiche, transgender paranoici ingozzati di pillole, nel giro di qualche decennio.